Buonanotte

Dopo il viaggio che aveva fatto sentiva una grande stanchezza. Ordinata la più leggera delle cene, costituita solo da un maialino, si era svestito subito e, raccoltosi sotto le coperte, si era addormentato di un sonno forte, pesante, si era addormentato in un modo meraviglioso, come dormono solo quei fortunati che non sanno cosa sono né le emorroidi, né le pulci, né le cimici, né le troppo sviluppate capacità intellettuali.

da Anime morte
di Nikolaj Gogol’
(Feltrinelli, 2009)