Di bello

Oggi, ero a piedi, ho sentito uno dell’Unicef davanti alla Pam che, a una ragazza, le ha chiesto: «Come ti chiami di bello?»