Mio babbo

Mio babbo che mi ha svergognato,
che ha perso tutte le battaglie,
mio babbo che era bugiardo,
mio babbo che bestemmiava i santi
e poi si metteva in ginocchio
davanti le madonnine,
mio babbo che era bello
e si guardava nello specchio,
mio babbo che era povero,
che era ambizioso, che cantava,
mio babbo che non mi ha insegnato nulla,
mio babbo che tutti lo fregavano,
mio babbo che non sapeva il latino
e poco anche l’italiano,
che dall’America è tornato
con un penny e tre parole d’inglese,
mio babbo che voleva «commendatore»
scritto sopra la busta,
mio babbo fra i babbi il più sgangherato
ha scritto dentro di me
tutte le mie poesie.

da Al vòusi e altre poesie in dialetto romagnolo
di Nino Pedretti
(Einaudi, 2007)